Dieci tondi

Che non è una formula matematica come magari potrebbe sembrare a prima vista, bensì un anniversario: abbiamo compiuto 10 anni tondi tondi.
Dieci anni di attività mica da ridere: quasi 1.800 manoscritti ricevuti, decine di amici arrivati e magari passati (ma sempre nei nostri cuori!), molti autori scoperti e di questi diversi pubblicati con alterne fortune.
Una biblioteca online comprendente romanzi – pubblicati anche su carta alcuni, altri no, ma tutti meravigliosi: non per nulla li abbiamo scelti noi! – racconti, ascolti, numeri di Inciquid (che non pubblichiamo ormai da un po’: faticosissimo!).
Certo meno attenzione da parte degli editori da qualche anno a questa parte. Forse anche colpa nostra: non siamo uomini/donne di marketing. Ma indubbi successi su moltissimi fronti e probabilmente anche qualche errore. Ma si sa: chi non fa non falla!
E noi abbiamo fatto. Come segnale, indice di attività, nella nostra biblio copyleft abbiamo:

  • 21 Ascolti (audiolibri, racconti, ecc.) per un totale di 152.803 download
  • 13 Racconti, scaricati 20.872 volte
  • 5 Diffusione (libri che ci riguardano: di amici, che parlano di noi….) 9.141 download
  • 3 raccolte di Poesia scaricate 3.535 volte
  • 19 Romanzi (pubblicati e non) per un totale di 43.894 download
  • 2 sceneggiature scaricate 2.186 volte

In totale abbiamo diffuso – senza contare Inciquid – ben 232.431 copie di lavori che in qualche modo sono passati sotto le nostre mani.
Il tutto, in perfetto spirito quindicino, in maniera del tutto gratuita.
Che ne dite: vale la pena augurarci almeno altri 10 anni di vita?! Noi ci contiamo: e continuiamo a lavorare (ed a scoprire talenti: tranquilli!) per questo

L’eroe dell’imboscata di via Rasella

iQuindici salutano orgogliosamente il compagno Rosario Bentivegna (1922-2012), eroe di una guerra che non ha voluto.
Siamo d’accordo, no alla guerra, no alla violenza, ci avete dato degli imbelli degli antipatrioti delle femminucce e dei codardi per anni a causa delle nostre posizioni pacifiste. Ma una volta accettata la logica della guerra, non si mettono sullo stesso piano gli eroi e gli assassini. Bentivegna e il suo gruppo, il Gap “Carlo Pisacane”, sono eroi ed eroine.
La grottesca serie di vicende giudiziarie che lo hanno avuto come protagonista ci costringono però a tirare fuori questa semplice verità: non ha nessunissima importanza che Bentivegna abbia vinto una causa dietro l’altra. Direttori di quotidiani, figure istituzionali, gente informata che non può non conoscere i fatti, né i pronunciamenti della magistratura, continua a spargere merda sul Bentivegna e su tutto il “Pisacane”, non per ignoranza, non perché non siano consapevoli delle implicazioni di quello che vanno scrivendo, ma per pura e semplice antipatia verso chi è o è stat* antifascista.
Bisogna dirlo a chiare lettere: queste persone, siano ex presidenti di regione, direttori di giornali vicini a partiti di maggioranza, consiglieri circoscrizionali, non si riconoscono nei valori dell’antifascismo che si suppone siano fondanti del nostro paese; se il paese nato dalla Resistenza fosse un posto serio, queste persone sarebbero già fuori del consesso civile.
Purtroppo, si è ormai deciso di interpretare la libertà di stampa e di opinione come una mancata assunzione di responsabilità: non c’è nessuna differenza tra esprimere un’opinione sui temi della politica e difendere il fascismo contro la democrazia, tanto nessuno ti chiede mai di render conto delle tue parole. Ma, dirà qualcuno, se chiedete un controllo sulle opinioni che la gente esprime, dove va a finire la democrazia? Non diventate simili agli stessi fascisti che dite di voler combattere?
No, rispondiamo. Noi non vogliamo che queste persone vadano in galera, che siano picchiate né in alcun modo punite per legge per le loro opinioni. Le responsabilità penali non sono le uniche che esistano in una società. Sempllicemente, nessuno dovrebbe più comprare una copia dei loro giornali, non dovrebbero mai più ricevere un voto in nessun tipo di elezioni. Questo è però un ideale irraggiungibile: ci accontenteremmo se la coscienza de* cittadin* tornasse a confinare questi giornali e questi candidati nel loro ambiente: la fogna.

post politico

(nel senso che questo post è politico. Oppure che questo discorso è post-politico, viene dopo uno politico… vabbè, sono mbriaco di prima mattina)
Per motivi che non sto a raccontarvi mi trovo a scartabellare una raccolta dei discorsi parlamentari di un noto politico italiano. Ho trovato questo intervento che vorrei sottoporvi. Vi prego, non correte giù a cercare il nome dell’autore: leggete prima il testo, vi do solo l’inizio.

Dirò ancora una sola parola sulla questione del matrimonio delle telefoniste, perché sono convinto che essa dovrà tornar innanzi al Parlamento, per ragioni intuitive di senso morale. [Qui salto qualche riga] Si è poi creata una leggenda (io affermo senza dimostrare, perché il tempo non ci permette di discutere), si è creata una vera leggenda intorno alla incapacità al lavoro, che colpirebbe le telefoniste, dopo il matrimonio, durante la maternità.

Continua a leggere post politico

Noi stiamo con Femminismo a Sud

Arriviamo come sempre in ritardo, e a questo punto probabilmente la storia la sapete.
Il blog Femminismo A Sud ha pubblicato qualche giorno fa un post intitolato “Chi ha sdoganato Casa Pound” nel quale, tra le altre cose, presentava una lista di persone che avevano sottoscritto un appello in favore della libertà di manifestare di “Blocco studentesco” (emanazione studentesca di CasaPound).

Dopo che, pochi giorni dopo, è saltata fuori la lista nazista di quelli colpevoli di aiutare gli immigrati. E ovviamente a qualche bella testa è venuto in mente di dire che “la logica è la stessa, il linguaggio è lo stesso”. (anche tra chi è attento a tematiche femministe, come Marina Terragni)
Segue dibattito.

Palle, ovviamente. Primo, non è corretto dire che quella pubblicata da Femminismo a Sud sia “una lista dei nomi di quelli e quelle che hanno scelto di occuparsi di Casapound, che ne hanno scritto e ne hanno raccontato, quasi sempre non condividendone affatto l’impostazione politica e culturale. Quella lista può voler dire una sola cosa: questi giornalisti e intellettuali vanno individuati e “sanzionati” per quello che hanno scritto e detto, anzi, semplicemente per il fatto di avere scritto e detto, a prescindere dai contenuti.” In realtà, la lista era una lista di persone che non hanno “scritto” su CasaPound, ma hanno firmato un appello espressamente in favore dell’organizzazione e del suo diritto a manifestare le sue repellenti ideologie.
(mi ripugna linkare il sito di CasaPound, ma per amor di cronaca… [www.casapounditalia.org])

Secondo. Quand’anche fosse, il discorso è molto serio: certo che queste persone vanno inchiodate alle loro responsabilità. Se un tipo di Casa Pound è passato dalle idee di violenza alle pallottole è stato (anche, in parte) perché un mucchio di persone ha decretato che quelle idee avevano piena legittimità in democrazia. Qui non si discute del fatto di “raccontare il fenomeno” (com’è che diceva la Terragni? “altri ritengono che il fenomeno sia interessante e vada raccontato”). Si tratta di accoglierlo nel consorzio sociale. E, su questo, c’è poco da discutere: la parte da cui stare è una sola.

Io sto con Femminismo a Sud

Fin qui il pezzo che avevo scritto e sottoposto all’attenzione de* quindicin* qualche giorno fa (iQuindici postano al passo del cetaceo perché hanno una struttura profondamente democratica, ogni cosa va sottoposta alla discussione e approvazione ecc). Nel frattempo, però, son successe diverse cose in rete, e almeno una va detta: una dei giornalisti citati nel famoso post di Femminismo a Sud, Alessandra Di Pietro, ha pubblicato sul proprio blog il reportage sulle donne in CasaPound uscito su Gioia nel 2009. Certo, lamentarsi di essere esposta al giudizio di migliaia di persone perché il proprio lavoro è citato in un blog, dopo che lo stesso lavoro è pubblicato su una rivista che fa 200000 copie la settimana suona un po’ strano.

Altrettanto strane suonano le accuse di irresponsabilità, per aver esposto la giornalista alle rappresaglie “di una qualche testa calda che per sentirsi antifascista pensa di perseguitarmi (in rete, sotto casa, personalmente)“, ma da queste accuse le compagne di Femminismo a Sud si difendono benissimo da sole. (tra l’altro, quale delle due parti ha preso in mano una pistola e fatto una strage? CasaPound o chi li accusa?) Quello che invece mi preme sottolineare è come la Di Pietro rivendichi la propria storia personale come garanzia: “Io non sono fascista”, dice. E questo dovrebbe bastare a dimostrare che, pertanto, anche i suoi pezzi non lo siano.

Equivalenza errata, purtroppo. Se, in quanto giornalista, vuoi “raccontare il fenomeno”, di quel fenomeno devi cogliere la complessità. Specialmente se stai parlando di un movimento politico: i programmi, a parole, son tutti belli, se non sei tu cronista, con le tue domande, a far emergerne le contraddizioni. E invece la Di Pietro come se la cava? “Del fascismo storico abbiamo parlato poco, loro non ne avevano nessuna voglia.” Ah, ecco. Suppongo che anche se intervistassi Hitler, egli preferirebbe parlare della sua cinofilia e del suo convinto vegetarianesimo, piuttosto che dello stermino di milioni di persone. E Bernardo Provenzano? Anche lui un self-made man, dall’estetica retrò e di letture ricche ed eccentriche; se non sei tu a chiedergli conto dei bambini sciolti nell’acido e dei miliardi fatti con droga e traffico d’armi lui si presenta come uno che ha dato lavoro a tante persone e portato ordine nella sua città (tra l’altro, posti di lavoro dati a scapito di chi? Domanda che magari sarebbe carino farsi anche su CasaPound, il cui tanto lodato approccio sociale alla questione casa pare non sia stato esente da nepotismi – e comunque è indirizzato solo ai cittadini italiani).

Insomma, a maggior ragione se la Di Pietro non è fascista (e la sua storia personale – è vero – lo testimonia – io, da siciliano, ho una malata predilezione per la gente che scriveva sul primo Avvenimenti), il suo approccio modaiolo a un’organizzazione di fascisti, come se (ha detto qualcuno tra i commenti del suo blog) essere fascisti fosse una delle qualsiasi bizzarrie che si incontrano in una società libera, come l’ufologia o il free climbing – questo approccio, dico, manca i doveri del cronista. Si potrebbe rispondere che quello era l’unico approccio possibile su Gioia, che ospita articoli di costume e non inchieste di cronaca politica, o perlomeno la sua cronaca politica ha appunto un approccio da rivista femminile. Giustissimo, ma allora io obietto: te l’ha prescritto il medico di parlare di Casa Pound? Parla d’altro. Se porti i temi di “Godere” al pubblico di Gioia fai una grandissima operazione politica, se porti la fighetteria fascista esponi il fianco alla critica di essere non una “fiancheggiatrice”, come tu hai tendenziosamente scritto, ma una “sdoganatrice”, diceva il post incrimniato, di ideologie che facevano meglio a restare nella fogna.

E nemmeno vale, come hai fatto, continuare a sviare il problema: sì, ma se ci sono i motivi di chiudere CasaPound, perché dirlo adesso e non prima? E perché proprio CasaPound e non la Lega, non è altrettanto razzista la Lega? E non ci sono diecimila ragioni strutturali per cui il razzismo nel nostro quotidiano eccetera eccetera? Risposta: sì, giustissimo. E infatti Femminismo a Sud, iQuindici, e altre mille e mille piccole e grandi realtà di movimento si sono impegnate contro i fascisti adesso e anche prima, contro i fascisti dichiarati di CasaPound e anche contro quelli travestiti da neoliberisti o da regionalisti, contro le grandi azioni di governo e anche contro il piccolo sintomo nel linguaggio quotidiano.

D’altra parte, se giustamente osservi: “se un criminale si sente un eroe ad ammazzare due uomini neri non dobbiamo guardare solo al dito che ha premuto il grilletto ma anche a chi gli ha fatto credere che stava facendo qualcosa di giusto stando sbracato a sbraitare sulla poltrona di casa, sui sedili dell’autobus, per strada”, noi non possiamo che concordare. Solo, ci sembrava giusto farti notare che, tra quel “chi”, ci sei un po’ anche tu, che non gli hai detto “fai bene a sbraitare”, ma solo “quanto siete fighi quando sbraitate”.

Solidarietà con Addiopizzo

E’ stato imbrattato un ritratto di Giovanni Falcone realizzato da Addiopizzo su un muro di Catania.
Oltre alla nostra solidarietà con Addiopizzo e con l’intera parte civile della città, manifestiamo il nostro dolore per una cultura antimafiosa che non riesce proprio ad attecchire.

Naturalmente alla fiaccolata non siamo andati, perché geograficamente siamo lontani. Ma spero che chi c’era voglia considerarci spiritualmente vicini.

La notizia: [www.argo.catania.it]

Notizie dal fronte democratico (?)

Chiudere la giornata con una manganellata in testa presa nei pressi di Piazza Maggiore a BO per mano di un lungimirante carabiniere in tenuta antisommossa in servizio per blindare lo spettacolare sproloquio, a cui volevo assistere, tra l’altro senza contestare, dei vari Bossi, Tremonti e compagnia bella che domenica sera hanno parlato (non so se il verbo sia quello giusto) in piazza per appoggiare il candidato sindaco Bernardini, non è esattamente quello che mi aspettavo (chi vi scrive è l’antitesi del contestatore/fomentatore), comunque tutto fa curriculum, basta essere vivi a raccontarlo. Nonostante il mio personalissimo incasso della serata, quello che più mi ha amareggiato (eufemismo) non è stata la carica che ha investito me e una collega quindicina che si è presa due pugni volontari e simultanei sui seni conditi da un “Troia!” sempre da un altro dei lungimiranti celerini, quanto, piuttosto, la selezione compiuta dalle forze dell’ordine sulle persone che volevano accedere alla piazza.

Continua a leggere Notizie dal fronte democratico (?)

15 Park Row, New York

Il Presidente Obama ha visitato Ground Zero, dopo essere stato alla caserma dei pompieri di Midtown Manhattan. La cattura e uccisione di Osama Bin Laden pare aver messo fine ad uno dei tanti capitoli della nostra storia. Il terrorismo non è sconfitto, ma il segnale di un’America che non perdona torna ad essere ben chiaro, dopo tanti fallimenti.

Obama si reca dunque a rendere omaggio alle vittime dell’11 settembre, incontra le famiglie delle vittime e tutto avviene in una giornata così tersa e luminosa che i commentatori si sono affrettati a paragonarla a quel terribile 9/11 di dieci anni fa, quando la tragedia si compì sotto un cielo immacolato.

Io ho abitato recentemente e per qualche tempo a neanche 100 metri da Ground Zero, al 15 di Park Row, prima di trasferirmi su una striscia di deserto, e lasciai New York sommersa dalla neve, a congelare tra venti di ghiaccio. Vederla in diretta tv, vedere quegli angoli di strada che percorrevo quotidianamente brillare al sole, mi ha fatto sentire come lontana da casa.

L’omaggio di Obama non poteva avvenire in una giornata più rappresentativa.

 

15 Park Row è un palazzo relativamente basso di circa 30 piani, finito di costruire nel 1899 in una New York che ancora non stava cambiando faccia sotto la mano pesante di Robert Moses (raccomando il tomo di Robert A. Caro, The Power Broker,  che vinse il Pulitzer nel 1975). Il palazzo lo si nota in tutte le foto d’epoca della zona, beato e dignitoso che guarda la City Hall.  Scelsi di stabilirmi lì tutto il periodo richiesto per comodità, andare al lavoro a piedi, ma c’erano anche quelle due cupole all’ultimo piano che mi ricordavano il tempio in cima al “palazzo di Ghostbusters” al 55 di Central Park West… insomma una scelta non convenzionale quella di risiedere in un palazzo tanto spamparagnato, con l’ingresso perennemente ostruito da ponteggi e quel via vai di nerd che popolano il famosissimo negozio di elettronica J&R.  Ma è così che alla fine si è dispiegato un piccolo destino, il mio, che ha voluto farmi fare i conti con un 11 settembre disertato.

Per me la Storia trova sovente una corrispondenza ad un livello intimo, personale, e la fine di Bin Laden è associabile alla fine di quelle persone che si gettarono dalle Torri Gemelle terrorizzate di morire bruciate. Ogni giorno per molti mesi, lungo la Broadway, il mattino verso Wall Street e la sera verso casa, sono passata a fianco di Ground Zero e ogni giorno ho ingoiato tutto il cinismo espresso quel lontano 11 settembre, quando con i Bush l’America si era fatta nemica il mondo intero. Non mi sentivo degna di piangere quei morti che ora mi pareva di vedere gettarsi dai grattacieli in fiamme, fantasmi che hanno popolato le mie notti in Park Row.

Notti sempre rumorose a Downtown, con i lavori frenetici ai grattacieli (sono cresciuti a vista d’occhio) e le incessanti sirene dei pompieri, che a Manhattan la fanno veramente da padroni.

La Storia dunque mi ha chiamata all’appello perché ne riconsiderassi i termini e il destino evidentemente ha seguito un percorso beffardo.

 

Come per tanti aspetti della vita in Lower Manhattan, al 15 Park Row anche l’impianto di riscaldamento è molto rumoroso, ma Nick il supervisor dagli occhi di ghiaccio non mi ha mai dato retta, “lavoro qui da quarant’anni e conosco il palazzo”. Così ha ignorato le mie segnalazioni guardandomi con aria noncurante traslocare inutilmente su piani diversi alla ricerca di silenzio, fino alla zampata finale quando disse ai suoi di buttare via le scatole giunte per il mio trasloco di rimpatrio. A Nick non fregava proprio niente di una stronzetta di passaggio. Lui era di New York e l’11 settembre deve averlo vissuto tutto, prima in quella splendente mattina azzurra e poi certamente tra i soccorsi all’entrata del palazzo, dove centinaia di persone avranno cercato riparo tra la cenere, l’angoscia e, come mi hanno raccontato alcuni testimoni, il terrore puro.

Ho pensato a Nick seduto di nuovo in quella hall al 15 Park Row, mentre il Presidente Obama deponeva una corona di fiori a Ground Zero, immaginando che se fossi ancora lì era giunto il tempo di chiedergli del suo 11 settembre.

Dalla parte della costituzione

Diffondiamo volentieri un’importante quanto lodevole iniziativa dei cittadini di Preganziol di cui siamo venuti a conoscenza.

dove: Biblioteca comunale di Preganziol

La società civile si ribella alla censura messa in atto dalla Giunta Regionale del Veneto e dall’Amministrazione Comunale di Preganziol che, creando un indice dei libri sgraditi e facendo sparire i volumi dai luoghi pubblici, limitano pesantemente la diffusione della cultura e del libero pensiero.
I cittadini di ogni cultura rivendicano il loro diritto ad essere informati e a poter scegliere e pretendono che nessuno limiti la loro libertà.

Per questo giovedì 27 gennaio alle ore 17 si invitano tutti coloro che hanno a cuore i diritti fondamentali di ogni cittadino, a recarsi presso la biblioteca pubblica di Preganziol, in via Gramsci, con una copia della Costituzione e una copia di un testo di Roberto Saviano, per richiedere il prestito dei libri “sgraditi“.

Stiamo dalla parte della Costituzione

Stiamo dalla parte di Saviano

Ancora sulle liste di proscrizione per libri: aggiornamento

La cosa, com’era auspicabile, pare non esser passata. Il presidente della provincia ha preso le distanze dal suo assessore:

“Ritengo che quella di Speranzon sia un’iniziativa a titolo personale e non espressa nel suo ruolo istituzionale. Qualora presentasse la proposta in giunta, sappia che la provincia di Venezia non la sosterrà. Le biblioteche sono un luogo libero”.

Il che non può considerarsi soddisfacente. Intanto non si capisce in che modo un assessore possa intervenire su un tema inerente la sua amministrazione di competenza, inviando lettere agli amministrati, in veste che non sia quella istituzionale.

Secondo, il problema, nel caso non fosse chiaro, non è l’atto amministrativo. E’ l’atteggiamento intimidatorio. Il fatto che gli organizzatori facciano una conferenza congiunta col rappresentante di un sindacato di Polizia. Chi prende le distanze da questo inaccettabile assessore? Il suo partito? La coalizione? La sua base elettorale?
Il fascismo, prima ancora che essere un problema amministrativo, è un problema di sensibilità del popolo, e noi ci siamo dentro fino al collo: ognuno merita il regime che sopporta. E, se non lo vogliamo, non abbiamo che da non soppportarlo.

E poi, era ovvio che un’enormità del genere non poteva passare al primo colpo. Stiamo attenti, però, a non permettere che simili violazioni del diritto di espressione entrino nel campo del ‘normale’ dibattito politico. La diffusione, come si suol dire, del ‘meme’ è rischiosissima. Tra un po’ ci riproveranno: non facciamoci trovare impreparati.